Truman Capote

20 May 2014

Truman Streckfus Persons meglio conosciuto come Truman Capote, nasce a New Orleans il 30 settembre del 1924. Dopo il divorzio dei genitori si trasferisce in Alabama, accudito da alcuni parenti, riceve visite saltuarie della madre. L’infanzia di Truman è infelice. L’unico affetto che lo consola è dato dalla sua cara amica Harper Lee, futura vincitrice del premio Pulitzer con il romanzo Il Buio oltre la Siepe.

L’adolescenza non è da meno. A causa dei suoi atteggiamenti “effemminati”, diviene oggetto di scherno all’interno della scuola che frequenta, in cui ritrova un’ insegnante di inglese che apprezza i suoi scritti, definendoli intrisi di grande fantasia. Dopo la scuola si trasferisce a New York e viene assunto come fattorino dal New Yorker, dal quale viene licenziato per essersi spacciato come inviato durante un convegno di letteratura.
Il successo arriva con Miriam nel 1945 ed apre allo scrittore le porte dei salotti mondani della Grande Mela. L’eclettico dandi del novecento entra in contatto con Ronald Reagan, Jackie Kennedy, Andy Warhol, Humprhey Bogart, divenendo ben presto uno degli scrittori più famosi degli Stati Uniti.

Siamo nel 1948 e Capote pubblica Altre voci, altre stanze, il romanzo di debutto a cui qualche anno dopo seguono: L’arpa d’erba del 1951 e Si sentono le muse del 1956; per poi pubblicare nel 1958 Colazione da Tiffany.
Nel 1966 esce a puntate sul New Yorker A sangue freddo e nello stesso anno, firma il contratto per Preghiere esaudite, romanzo incompleto in cui, come sosteneva lo stesso Capote avrebbe analizzato il microcosmo dei miliardari d’Europa e della costa orientale degli Stati Uniti per poi, dopo la pubblicazione dei primi capitoli, essere bandito dall’ambiente.
Solo e abbandonato dal suo compagno di vita Jack, dal 1977 si rifugia nell’alcol e nelle droghe. Dopo le varie cure per disintossicarsi, muore a Bel Air di cirrosi epatica nel 1984, pochi mesi prima di compiere sessant’anni.  

By Letizia Cardinali